La nostra squadra

Renzo Agostini

Nato ad Ispra 66 anni fa. Diplomato presso I.T.I.S. di Varese. Impiegato per 40 anni negli uffici di progettazione, prima di Aermacchi e poi in un’azienda di costruzione di stampi per materie plastiche. Ora sono in pensione e faccio il nonno “impegnato”. Prima esperienza amministrativa nel mandato 2004-2009 in qualità di assessore con deleghe allo sport e urbanistica. Fondatore del gruppo comunale di Protezione Civile. Attualmente assessore con deleghe al territorio ed ambiente. Componente del consiglio di amministrazione dell’Autorità di bacino del Lago Maggiore e Laghi minori.
Eletto, quale rappresentante dei comuni della sponda Lombarda del lago Maggiore, a far parte del tavolo territoriale del Consorzio dei laghi “Swiss Italian Navigation Group”. Collaboro con Provincia e Politecnico di Milano per la progettazione delle ciclabili che attraversano il nostro territorio.
Istruttore nazionale della Federazione Italiana Vela, da diversi anni porto avanti il progetto ministeriale “Vela a Scuola” a cui aderiscono le scuole primarie e secondarie di Ispra e Brebbia. La mia missione unire sempre più il territorio con le periferie e con il Nostro Lago.

Martina Cao

Martina Cao, 36 anni, isprese dalla nascita.

Laureata in mediazione linguistica e culturale e specializzata in relazioni internazionali, ho svolto esperienze di lavoro in India e in Germania. Dalla fine del 2014 allo scorso settembre sono stata Capo di Staff del Presidente della Provincia di Varese dove ho svolto per suo conto attività di indirizzo politico e ne ho curato i rapporti istituzionali con i Comuni e gli altri Enti.

Da alcuni anni sono impegnata attivamente nella vita amministrativa di Ispra, dove ho ricoperto la carica di assessore, occupandomi nello specifico delle associazioni e del coordinamento delle loro attività, e successivamente di vice sindaco, fino al 2017, seguendo in particolare le politiche tributarie e di bilancio. Come consigliere comunale ho seguito anche la delega alla cultura, dove tra le iniziative realizzate mi stanno particolarmente a cuore la riapertura del Castelbarco con la mostra di Andy Wahrol e il progetto “Adotta un caduto” in collaborazione con le scuole e con l’Associazione Festival del Cinema Povero.
Ho accettato di candidarmi per mettere a disposizione le competenze acquisite con queste esperienze nell’amministrazione locale e pubblica e per continuare a cambiare Ispra con il progetto Ispra Futura.

Daniela Croci

Nata a Ispra nel 1950 da famiglia isprese, ho insegnato educazione artistica e storia dell’arte per 39 anni nei licei e nelle medie di Milano e hinterland, svolgendo anche compiti di staff di presidenza e di responsabile di progetto. In questo ambito mi sono occupata attivamente di lotta al bullismo e recupero ragazzi con difficoltà culturale e sociale. Dal pensionamento e dal trasferimento della residenza a Ispra, ho proseguito ad occuparmi di arte, supportando e realizzando l’apertura di una nuova galleria privata a Varese.
Sono impegnata nel volontariato e – ancora prima della elezione nel 2014 con la lista Ispra Futura / Melissa De Santis Sindaco – ho realizzato corsi di arte nell’ambito delle attività culturali della biblioteca. Tra il 2014 e il 2019, come Consigliere Comunale con delega alla Cultura e agli Eventi, mi sono impegnata attivamente nella valorizzazione del patrimonio storico, culturale, turistico e paesaggistico del territorio.
Tra i più importanti risultati ottenuti in questo ambito InFiorita Ispra che, nelle 4 edizioni svolte tra il 2015 e il 2018, ha portato nel territorio comunale decine di migliaia di entusiasti visitatori, con la soddisfazione degli espositori. La riapertura del Tempietto Castelbarco Sagramoso dove si sono svolte mostre, concerti e i due importanti eventi delle Giornate del Fai di Primavera (2018) e C’erano Una Volta Le Formaci (2019). La programmazione e realizzazione di corsi per i cittadini e di lezioni per UniTre sui temi della storia dell’arte. Il coinvolgimento delle Scuole in occasione di Expo’ 2015, delle Giornale dei Fai e del Progetto Adotta Un Caduto con restauro del Parco delle Rimembranze. L’organizzazione di eventi e mostre alla Sala Serra, con presentazione di artisti, scrittori e conferenzieri.
Intendo proseguire su questi progetti, valorizzando in particolare la funzione di Ispra come meta turistica di qualità e come punto di riferimento culturale nel territorio. Questo anche attraverso la creazione di nuove opportunità e nuovi eventi. implementando la collaborazione con le scuole, le realtà culturali, le associazioni e i cittadini in generale.

Angelo Granata

Mi piace definirmi un pensionato “attivo”. Dal 2014 al 2019 ho rivestito il ruolo di assessore alla persona e vicesindaco. Per continuare il mio impegno per Ispra mi ricandido con il progetto Ispra Futura.

Cristina Riva

Ho 62 anni, sposata con due figli, isprese. Sono medico anatomopatologo e professore associato dell’Università degli Studi dell’Insubria. Ho fatto parte dell’attuale Amministrazione Comunale dapprima come Consigliere con delega alle politiche sociali e sanitarie e poi come Assessore alla cultura. Nello scorso biennio ho ricoperto il ruolo di Consigliere della Provincia di Varese con delega a cultura e patrimonio. Questo incarico importante mi ha appassionato, ha accresciuto la mia capacità di operare nella pubblica amministrazione, mi ha permesso di apprezzare la vivacità e le risorse del nostro territorio e di costruire una rete di relazioni significative. A Ispra mi sono dedicata con convinzione a temi di prevenzione sanitaria e di promozione di corretti stili di vita, organizzando momenti educativi su alimentazione e attività motoria a livello scolastico e con serate dedicate alla salute. Ho collaborato alla nascita dei Gruppi di Cammino, dell’Ambulatorio di Senologia, ho partecipato a progetti territoriali di contrasto al gioco d’azzardo e a tavoli di lavoro del Piano di Zona di Sesto Calende su varie tematiche, tra cui l’affido famigliare di minori e le nuove opportunità per i giovani. Ho promosso la realizzazione di varie iniziative e di eventi socio-culturali. Metto a disposizione l’esperienza di questo percorso con l’idea di favorire l’aggregazione e la crescita della comunità.

Davide Turetta

Sono Davide Turetta, ho 50 anni, vissuti a Ispra e ho 3 figli. Nella vita lavorativa mi occupo del sistema qualità e della documentazione tecnica in un’azienda metalmeccanica. Negli ultimi cinque anni ho fatto parte della giunta che ha amministrato questo paese, dedicandomi al bene comune con un’attenzione prevalente per la scuola e i giovani.  Ho deciso di ricandidarmi per offrire nuovamente il mio supporto ad una squadra e a un sindaco che ha sempre affrontato con passione e onestà le tematiche pubbliche per mezzo di un programma serio e ampiamente realizzato.
Vorrei proseguire questo percorso per contribuire a migliorare la qualità della vita e rendere Ispra un paese ben organizzato e attento alle opportunità del progresso.

Anna Visin

Nata a Milano, 72 anni, isprese per scelta, dopo la laurea in matematica e una lunga carriera in una multinazionale tedesca, nel settore dell’automazione degli enti locali e del marketing, ho cominciato la mia vita da pensionata dedicandomi al volontariato nell’area dell’insegnamento, della comunicazione radiofonica e redazionale della Parrocchia e delle attività culturali della biblioteca.
Come consigliera comunale negli anni 2014-2019, mi sono impegnata nel favorire le iniziative per la valorizzazione del nostro patrimonio culturale, monumentale e turistico, incoraggiando la collaborazione tra le associazioni e gli enti del territorio. In particolare, ho seguito le attività della biblioteca, per ampliarne il patrimonio librario e l’offerta formativa con la creazione a Ispra dell’unica sede distaccata di Unitre di Sesto Calende. Ho partecipato alla creazione e allo sviluppo della manifestazione Infiorita Ispra e alla organizzazione di diversi eventi di interesse quali concerti, spettacoli teatrali, conferenze e mostre.
Mi sono impegnata per la valorizzazione del nostro patrimonio monumentale con eventi presso il Mausoleo del Castelbarco e alle Fornaci. Ho favorito la collaborazione dei diversi protagonisti del progetto multidisciplinare “Adotta un caduto” per coltivare la memoria dei nostri caduti nelle guerre.
Voglio continuare a promuovere le iniziative per vivere la biblioteca come luogo di incontro e di aggregazione, ed estendere la collaborazione con tutti gli enti che operano nel settore per fare di Ispra una realtà sempre più apprezzata, vivace ed attrattiva dal punto di vista sociale, culturale e turistico.

Massimiliano Balestrero

Sono Massimiliano Balestrero sono nato a Milano il 23 febbraio del 1966, vivo e risiedo a Ispra.
Mi sono laureato in Economia e Commercio presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e provengo da studi classici.
Per quanto riguarda il mio percorso professionale fino al 2008, con responsabilità sempre crescenti, ho ricoperto incarichi presso diverse istituzioni finanziarie italiane e successivamente ho creato e contribuito a sviluppare aziende di proprietà che operano nel settore della consulenza indirizzata sia al settore profit che al non profit.
In particolare, opero nei settori relativi alla finanza aziendale, al marketing e alla comunicazione.

Stéphane Jedrzejczak

Mi chiamo Stéphane Jedrzejczak, nato in Belgio nel 1985, risiedo Ispra dal 1996. Laureato in economia mi sono specializzato con un master in sviluppo economico locale. Attualmente sono docente e collaboratore di ricerca presso l’Università Cattaneo – LIUC di Castellanza (VA) dove ho conseguito il dottorato di ricerca su politiche e pratiche per la pianificazione della sostenibilità per i territori e per le imprese.

Dal 2014 sono stato impegnato come consigliere comunale di minoranza (lista progetto Ispra).

Oltre alla partecipazione negli organi di rappresentanza istituzionale consiglio, commissioni e riunioni capogruppo, ho contribuito allo sviluppo e l’implementazione di progetti comunali in linea con il mio programma elettorale. Come presidente della commissione politiche giovanili ho seguito un bando regionale che ha  finanziato al comune di Ispra la creazione di un luogo di studio e lavoro per i giovani  (co-working presso la stazione) e la formazione di diversi giovani su tematiche di formazione per  l’imprenditorialità. Mi sono successivamente occupato dell’elaborazione di un piano di sviluppo e promozione per  la valorizzazione del Parco del Golfo della Quassa e in generale territorio Isprese, dove in un  primo momento è stato sviluppato tutta la mappatura e la cartellonistica relativa ai sentieri e ai  luoghi da visitare per migliorare la qualità di vita dei cittadini e offrire maggiori informazioni e  opportunità ai turisti e visitatori.

Giabattista Pasini

Mi chiamo Gianbattista Pasini e ho quarantacinque anni. Sono sposato, ho due figlie e vivo da sempre alle Cascine. Da ventotto anni faccio il pasticciere in un negozio storico del centro paese. Dal 2004 al 2009 sono stato consigliere di maggioranza e, da quando esiste, ho fatto parte del Comitato delle Cascine di cui sono stato presidente dal 2010 al 2018. Quella del Comitato è stata, e continua a essere, una delle esperienze di cui vado più orgoglioso perché con la sua attività abbiamo contribuito a rendere più vivo il tessuto del rione.
Mi candido perché mi piace impegnarmi, progettare e vedere crescere iniziative e opere che abbiano a cuore il bene della comunità, la partecipazione e i rapporti tra le persone. Immagino un centro del paese più integrato con i suoi rioni e la sua frazione di Barza attraverso collegamenti che siano anche a misura di bambino. In una parola, più sostenibili per tutti.

Isabel Dos Santos

Sono residente a Ispra dal 1987, sposata e madre di tre ragazzi stupendi.
La mia vocazione alle relazioni pubbliche, previamente formata durante il corso di Gestione delle Risorse Umane presso l’Universita’ Cattolica di Viseu, si e’ manifestata nell’ambito del volontariato, sopratutto in parrocchia, dove per anni ho avuto modo di creare situazioni, dinamiche ed eventi che coinvolgessero in modo attivo tante persone, con cui poi ho creato forti legami.
Attualmente lavoro in proprio, come wedding planner, e organizzo eventi tra l’Italia e il Portogallo. Questa esperienza impegnativa ma molto arricchente, mi ha spinto ad allargare i miei orizzonti anche nell’ambito civile.
Sono sicura che Ispra sia un paese pieno di risorse e che necessiti di novità e nuove dinamiche che la ringiovaniscano. Con questo scopo, vorrei mettermi in gioco e mettere a disposizione le mie risorse e i miei talenti, insieme a questa bella squadra, verso un paese bello dinamico e responsabile.

Paola Trinci

Sono nata 34 anni fa ad Angera e da 30 vivo a Ispra; sono sposata con Marco da 6 anni e abbiamo una bambina, Giorgia di 4.
Da sempre, grazie a mia mamma, la maestra Piera, guardo con curiosità ed interesse l’ambito del sociale. Mi sono avvicinata al mondo dei minori e nel 2008 mi sono laureata in Scienze dell’educazione con una tesi sperimentale sull’utilizzo della claunerie nel bambino ospedalizzato.
Ho svolto, oltre il mio lavoro da educatrice, anche volontariato in diverse associazioni che mi hanno aiutato a vedere con occhi diversi e una prospettiva più ampia l’ambito.
Oggi mi metto in gioco per dare il mio contributo e le mie competenze nel campo del sociale, per una comunità educante che posso avere un ruolo attivo per le generazioni attuali e future dove al centro c’è la persona, le sue risorse e le sue relazioni. Una comunità protagonista del proprio cambiamento in grado di generare e ri-generare benessere.